Più tempo in casa per via dell’emergenza Coronavirus?

Abbiamo già tolto in giro quello che non ci serviva e messo in ordine ciò che abbiamo deciso di lasciare?

E allora è ora di procedere con le grandi pulizie! Tanto la scusa c’è e si avvicina pure Pasqua! Lo so, avremmo preferito un pomeriggio in un centro benessere, ma… Facciamo questa volta impariamo davvero a fare di necessità virtù.

Per prima cosa, però, dobbiamo scegliere i prodotti giusti.

Quando ci troviamo davanti agli scaffali dei negozi, i flaconi dei detersivi di ogni tipo ci guardano ammiccanti, vestiti di colori che fanno invidia al nostro guardaroba e ci promettono di far splendere la nostra casa e di renderla un’oasi profumata, senza che noi ci sforziamo più di tanto. Così, ci può capitare di non sapere cosa scegliere e, spesso e volentieri, di comprare più di quello che ci serve.

più tempo in casa? a lavoro

La realtà è che abbiamo bisogno veramente di pochi prodotti:

Anticalcare

Fa splendere i nostri rubinetti e il nostro acciaio ed elimina le incrostazioni dovute al calcare nelle nostre acque. Se vogliamo utilizzare un sostituto naturale, o se semplicemente non abbiamo il detersivo in casa, possiamo tranquillamente usare l’aceto, per il quale, però, dobbiamo avere gli stessi accorgimenti (ad esempio, evitare il contatto con le pietre naturali come il marmo, che resterebbero irrimediabilmente danneggiate e con alcuni metalli). Entrambi possono essere usati per il lavaggio di pavimenti esterni o che abbiano residui di polvere dovuti a lavori edili, rendendone più veloce e semplice la pulizia.

Sgrassatore

È sicuramente il nostro braccio destro nella pulizia della cucina ma può aiutarci anche a togliere macchie di grasso e unto dagli indumenti, ad esempio e in bagno, per eliminare i residui soprattutto di saponette e saponi naturali, che tendono a lasciare una fastidiosa patina.

Dal sapone per i piatti all’ammoniaca, possiamo togliere il grasso di cucina ma anche eliminare quel velo nero che il fumo di stufe e camini, ma anche l’uso dei termosifoni, deposita su vetri, mobili laccati e superfici in generale.

Ovviamente, bisogna sempre rispettare i consigli d’uso, evitando soprattutto di fare miscugli di detersivi e avendo attenzione di non usarli con acqua troppo calda, che potrebbe far sprigionare vapori tossici.

Disinfettanti

Anche qui, ne abbiamo per tutti i gusti, ma ci limiteremo ai due più tradizionalmente usati per le pulizie. Lo ammetto, uso la candeggina. Che sia spray, liquida, gel, profumata e non, a casa mia non può assolutamente mancare. Molto spesso, però, il suo odore può dar fastidio e si rischia facilmente di macchiare i tessuti. In questo caso, un’ottima alternativa, oltretutto meno inquinante, è la candeggina delicata, che ha alla base il perossido di idrogeno (acqua ossigenata), anziché il cloro.

L’alcol non è sbiancante come le candeggine ma dalla sua ha qualche proprietà sgrassante che le prime non hanno.

Non solo bagni, superfici e pavimenti. Sempre, ma soprattutto in questo periodo, ricordiamoci di pulire interruttori, maniglie e citofoni.

Più tempo in casa? E allora buon lavoro!

Che siano “essenziali” o che abbiamo detersivi di ogni tipo e fragranza, che usiamo solo prodotti ecologici o no, c’è una cosa che non possiamo assolutamente farci mancare: la volontà!

LEGGI ANCHE: Lui se ne va? Parola d’ordine: Ordine!